Homepage | Equipe | Impegno nel sociale | Attività | Patologie | Focus On | Dizionario | Foto/Videogallery | Dove siamo | Contatti

FOCUS ON

 

Al congresso SOI l'oculistica vede lontano.....

Data: 19/05/2011
Fonte: http://www.sedesoi.com

L’oculistica guarda al futuro e presenta prospettive all’avanguardia. Di questo si parlerà oggi , seconda giornata di convegno.

Roma, 19 maggio 2011. Di contenimento della spesa, aggiornamento delle tecnologie per il mantenimento della qualità di prestazione” si è parlato nella Tavola rotonda a cui sono stati invitate le più alte cariche dello Stato e le Istituzioni di riferimento.
E’ importante far capire le problematiche legate alle prestazioni chirurgiche in oftalmologia, soprattutto quelle legate all’intervento di cataratta.
Oggi ad esempio esistono cristallini di ultima generazione e già disponibili che non necessitano nel post-operatorio di occhiali per vicino, o per lontano. Queste lenti un tempo viste solo come “futuristiche” sono oggi una realtà ma purtroppo non sono accessibili a tutti a causa del contenimento della spesa sanitaria.
«Quasi tutti i DRG regionali attuali non vanno oltre gli 800-900 euro (in Puglia c’è stato addirittura un dimezzamento da 1400 a 750 euro, deciso senza consultare alcuno). Del tutto inadeguati se pensiamo che il solo cristallino costa 800 euro. Se il paziente non può permettersi questo onere, riceve comunque un ottimo cristallino, ma di avanguardia». La compartecipazione del paziente alle spese resta infatti uno scoglio irrisolto da ben 15 anni. «Nessun responsabile della Sanità ha finora voluto assumersi l’impegno di deliberare su questo punto - accusa Piovella – con grave danno per i pazienti. A questo punto ritengo che, più di noi oftalmologi, potrebbero contribuire i cittadini, se capillarmente informati». Non è il solo tema dolente che Piovella mette sul tappeto: «La contrazione delle risorse pubbliche costringe già molte équipe a non utilizzare materiali monouso, ma a sterilizzare quelli già impiegati su un altro paziente. Non solo: dietro l’angolo si intravede il tentativo di escludere l’anestesista nel corso dell’intervento, riducendo gli standard di sicurezza del paziente» conclude Piovella.



TORNA ALL'ELENCO FOCUS ON