Homepage | Equipe | Impegno nel sociale | Attività | Patologie | Focus On | Dizionario | Foto/Videogallery | Dove siamo | Contatti

PATOLOGIE OCULARI: GLAUCOMA



COS'É IL GLAUCOMA

Il GLAUCOMA è una malattia che consiste nell'aumento della pressione interna dell'occhio, di tipo cronico e progressivo, cioè in continuo avanzamento. Questo fenomeno, che interessa maggiormente le persone che hanno superato i quarant'anni di età, è causato dall'incapacità dell'occhio di eliminare in sufficiente quantità il liquido prodotto al suo interno: così si verifica una compressione delle delicate fibre nervo-se della retina, che formano il nervo ottico. Questa sofferenza pian piano si traduce in una riduzione del campo visivo. Se non curato in modo adeguato porta alla cecità. Esistono diverse cure per il glaucoma, utilizzabili a seconda del tipo di malattia: il trattamento medico, quello laser e quello chirurgico. Alcuni tipi di glaucoma, come quello congenito, vanno subito curati con l'intervento chirurgico; ma la maggioranza dei casi può essere tenuta sotto controllo con la cura medica.

Glaucoma Il Glaucoma acuto è una patologia assai pericolosa che può condurre alla cecità entro poche ore dalla sua insorgenza, se non viene diagnosticato ed opportunamente curato in tempo. E’ caratterizzato da un forte dolore oculare e perioculare accompagnato da nausea e vomito, da un offuscamento della vista e dalla visione di aloni colorati attorno alle luci. Questa sintomatologia è provocata dal fatto che si verifica una chiusura acuta dell’angolo camerulare, struttura che consente lo scarico l'eliminazione dell'umore acqueo; quest’ultimo si accumula all’interno del bulbo oculare, che assume una consistenza lignea; l’effetto di una pressione intraoculare elevatissima per poche ore si traduce in un danno irreversibile a carico del nervo ottico che può portare alla cecità. La terapia è sia medica (mediante farmaci assunti per via endovenosa, orale o topica) sia parachirurgica (mediante il Laser) che chirurgica. Molto importante è il riconoscimento da parte del medico oculista delle condizioni predisponenti ad un attacco acuto di glaucoma: in questi casi, mediante opportune terapie (Laser), è possibile prevenire i danni provocati da un attacco acuto.

Il Glaucoma cronico, o ad angolo aperto, è invece caratterizzato da un aumento più ridotto della pressione intraoculare, che, protratto nel tempo, porta a anni molto spesso irreversibili. Può essere riconosciuto, nel corso di una visita oculistica, grazie alla determinazione della pressione intraoculare, alla misurazione dello spessore corneale (tachimetria) all’esame del fondo oculare ed all’esame del campo visivo. Nel corso degli ultimi anni lo studio della morfologia del nervo ottico e delle fibre che lo compongono ha apportato un ulteriore strumento diagnostico e di follow-up. La terapia si avvale di diverse classi di farmaci somministrati per via topica, dell’ausilio del Laser ed, infine, della chirurgia.

CHIRURGIA DEL GLAUCOMA

Chirurgia filtrante ed impianto di protesi valvolari

Si esegue in anestesia locale e prevede la creazione di un piccolo tramite nella parete del bulbo oculare per consentire la fuoriuscita dell’umor acqueo e determinare una conseguente riduzione di pressione endooculare. A tutela di questo tramite è possibile inserire anche una protesi valvolare che regola in modo più stabile la pressione.

GLI STRUMENTI CHIRURGICI PER LA TERAPIA E PREVENZIONE DEL GLAUCOMA

- YAG LASER

- ARGON LASER