Homepage | Equipe | Impegno nel sociale | Attività | Patologie | Focus On | Dizionario | Foto/Videogallery | Dove siamo | Contatti

IMPEGNO NEL SOCIALE



COME NASCE IL PROGETTO AFRICA

Così come la maggior parte delle storie più belle della nostra vita anche questa ha inizio per caso, nel 1999, in una di quelle serate passate intorno ad un tavolo con degli amici, a parlare del più e del meno...
Nino, questo è il nome della persona che ha aperto questa porta nella mia vita, tra una battuta e l’altra inizia ad accennarmi a quanto un suo amico aveva realizzato nel Benin presso un ospedale del Fatebenefratelli¸ Chiesi a Nino di parlami più nei dettagli dell’ argomento e fu così che iniziai a sentir parlare di Fra Fiorenzo, di Carluccio, di Fra Bernardo, di Fra Taddeo, tutti nomi nuovi che mi sembrarono familiari sin dal primo momento.
Fiorenzo è un frate che 35 anni fa ha abbandonato la sua terra di origine (la brianza) per trasferirsi in Africa per portare nel cuore di quella gente la parola di Dio insieme al suo aiuto materiale. Nel Benin e nel Togo esistevano due ospedali dell’ordine Fatebenefratelli dove Fiorenzo si dedicava con grande cuore alla cura dei malati, i miei occhi si illuminarono quando appresi da Nino che in entrambi gli ospedali mancava l’oculistica; fu allora che la cosa si fece particolarmente interessante....

IL PROGETTO

L'idea del Prof. G. Perone era quella di impiantare un sala operatoria ed un ambulatorio oculistico nel Togo. Nel 2001 l'idea divenne realtà e un container con tutto l’occorrente per un ambulatorio e una sala operatoria oculistica fu messo in viaggio per Afagnan e nel mese di Agosto il centro divenne operativo. Realizzato il centro di Afagnan, il Prof. G. Perone progettò la realizzazione di un centro simile, l'anno seguente, a Tanguità (nel Benin) dove la situazione era di povertà estrema, se possibile maggiore che ad Afagnan. Fu così che tutto si ripetè il luglio dell’anno dopo a Tanguità.
Da quell'anno il Prof. G. Perone si reca con i suoi collaboratori nei due centri in Africa almeno due/tre volte l'anno per prestare la sua opera e curare centinaia di pazienti, tra i quali moltissimi bambini.

Scarica la presentazione

2007

>> Racconto Africa 2007

2010

>> Racconto Africa 2010

2011

>> Racconto Africa 2011

2011 UTA

>> Racconto Africa UTA